Vitamin_D2_D3Esistono due tipi di vitamina D, la D2, ergocalciferolo, e la D3, colecarlciferolo. La vitamina D2 è prodotta dalle piante, mentre la D3 è presente nel mondo animale. Vediamo ora i motivi della netta superiorità della D3 sulla D2:

  • la cute esposta ai raggi solari UVB produce la vitamina D3. Quindi, la D3 è la forma per noi più naturale e più efficace;
  • per quanto riguarda gli integratori, la D3 risulta meno tossica della D2, perché quando assunta, la D2 rimane in circolo a più alte concentrazioni rispetto alla D3. Inoltre la D2 si lega meno efficacemente ai recettori, rispetto alla D3;
  • l’integrazione di D3 mantiene i valori di questa vitamina nel sangue molto più a lungo rispetto alla D2
  • la D3 è la forma con cui sono stati condotti la maggior parte degli studi scientifici;
  • gli integratori di D3 sono più stabili e conservano la loro efficacia per molto più tempi rispetto a quelli di D2, più sensibili a cambiamenti di umidità e temperatura.

La vitamina D2 è derivata da una cultura di lieviti ed è stata per la prima volta prodotta agli inizi del 1920, esponendo del cibo ai raggi ultravioletti. Il processo fu brevettato e poi il prodotto distribuito dalle compagnie farmaceutiche. Oggi viene prodotta per emisintesi dall’ascomiceta ergot, Claviceps purpurea (da qui il nome “ergo-calciferolo”). Sembra che ancora oggi la gran parte dei comuni integratori di vitamina D contengano la D2 e non la D3. Diversi multivitaminici contengono sia la D3 che la D2.

Bibliografia

MA Moyad, Vitamin D: A Rapid Review Dermatology Nursing. 2009;21(1)


Francesco Perugini Billi©copyright