Nutrizione

I vegetariani vivono più a lungo dei non-vegetariani ?

no_barbecues.jpg

ASulle pagine della rivista Vegetarian Times è stato pubblicato nel 1999 un articolo che elenca 22 buoni motivi per diventare vegetariani. Nel primo punto dal titolo  “Vivrete molto più a lungo” si afferma che i vegetariani vivono circa 7 anni di più ed i vegani (che escludono tutti prodotti animali, uova e latticini compresi) addirittura 15 anni in più. 

In letteratura non si trova molto a supporto di queste tesi. Nel 1991 il Dr Russel Smith (2), esperto in statistica, analizzò tutti gli studi sull’argomento e ne trovò diversi che dimostravano che la dieta vegetariana in generale abbassava i livelli ematici di colesterolo, mentre ne trovò pochi che valutavano il suo effetto sulla mortalità. L’analisi di questi studi dimostrò che i benefici del vegetarianesimo sulla durata della vita erano irrilevanti.

Nel 2005  è stato pubblicato un significativo studio (3), durato 21 anni, che ha confrontato la mortalità dei vegetariani e dei non-vegetariani, ma “health conscious” (in poche parole, persone attente alla propria salute, ma onnivore). In questo modo i ricercatori hanno eliminato le variabili che maggiormente possono pesare quando si raffrontano i vegetariani e il resto della popolazione. Infatti, l’essere vegetariano non comporta solo l’esclusione della carne, ma spesso comprende anche uno stile di vita più salubre: consumo di alimenti biologici,  attività fisica, esclusione di fattori di rischio come il fumo, l’alcol e l’esposizione ad inquinanti ambientali. I vegetariani, inoltre, sono spesso inclini alla ricerca spirituale e a pratiche come la meditazione e lo yoga. Queste stesse variabili incidono positivamente anche nei non-vegetariani “health conscious”, ma potrebbero non essere presenti nei non-vegetariani della normale popolazione. Lo studio ha portato alle seguenti conclusioni: i gruppi dei vegetariani e dei non-vegetariani “health conscious” mostravano la stessa  riduzione della mortalità se confrontati con il resto della popolazione. Conclusione: non è l’esclusione della carne in sé che fa la differenza, ma lo stile di vita!

Francesco Perugini Billi

Bibliografia
1) Dworkin N. 22 Reasons to Go Vegetarian Right Now – benefits of vegetarian diet Vegetarian Times,  April, 1999 http://findarticles.com/p/articles/mi_m0820/is_1999_April/ai_54232138
2) Smith R. Diet The cholesterol conspiracy. 1991, Warren H. Green, Inc. St Luis, Missouri, USA.
3) Chang-Claude J et al. Life style determinants and mortality in German vegetarians and health-conscious  persons: results of a 21-year follow-up. Cancer epidemiol Biomarkers Prev. 2005 April;14(4):963-8. Citato da: Fallon S. Twenty-Two reasons not to go vegetarian. Wise Traditions Vol 9, Number 1, Spring 2008.