Nutrizione Patologie

Le HDL non proteggono dall’infarto !

brainwashingSembrava il clichè di una delle tante favole che si raccontano ai bambini, dove c’è il personaggio buono e quello cattivo, la perenne lotta tra il bene e il male. Purtroppo, o per fortuna, non è così che funzionano le cose nella moderna favola della colesterolofobia: il colesterolo “buono” non esiste, alzarne i livelli, anche artificialmente, non protegge dall’infarto, così recita impietosamente la conclusione di un recente studio. Uno dei capisaldi della teoria lipidica vacilla, teoria già abbondantemente messa in discussione da troppe eccezioni per essere minimamente credibile.

 Dalle dichiarazioni dei ricercatori traspare tutta la confusione e l’incertezza che la scienza medica ha sull’argomento “ colesterolo”: “In ogni caso – conclude il direttore scientifico del Policlinico – non c’è solo il colesterolo a mettere in pericolo il cuore, ma una serie di fattori di rischio, come ad esempio il fumo di sigaretta. Tanto è vero che chi ha il colesterolo basso può comunque sviluppare un infarto, mentre ci sono persone che, nonostante abbiano valori ‘alle stelle’, sono al riparo da attacchi di cuore“(1).

Davvero una dichiarazione incredibile, soprattutto perché fatta da un ricercatore, da uno scienziato, quelli con il camice bianco e con in mano fogli pieni di numeri e statistiche, e non da uno sciamano o uno stregone analfabeta! Se il colesterolo causa l’infarto, come fa ad essere “al riparo da attacchi di cuore” uno che ha una colesterolemia “alle stelle”??  Qui c’è qualcuno che ha le idee molto, molto confuse. Il fatto è che sulla base di queste vacillanti certezze parecchia gente assume inutilmente farmaci, come le statine, non prive di effetti collaterali.

In conclusione, le HDL non sono così “buone” come si crede. Tra queste si possono addirittura nescondere delle frazioni (apoC-III) che, secondo recenti studi, sarebbero dannose per il cuore e aumenterebbero l’infarto(2). Stesso discorso vale per le LDL, che non sarebbero così “cattive” come si crede, se non per alcune frazioni.


Francesco Perugini Billi©


Bibliografia

1) Dubbi su colesterolo buono, aumentarlo non salva da infarto. 17 maggio, 2012. Androkos Salute. Fonte: univadis.it

2) Some HDL, or “Good” Cholesterol, May Not Protect Against Heart Disease. Press releases http://www.hsph.harvard.edu