Argomenti vari Patologie

Ancora sui benefici del sole

akhenaten-sungazingHo già scritto sull’importanza di esporsi al sole e di come oggi moltissimi di noi hanno valori di vitamina D pericolosamente troppo bassi, a causa di una vita passata per lo più al chiuso. Ecco altri 5 motivi per non rifuggire il sole:

1. Il sole ha proprietà analgesichee fa spendere meno: i pazienti sottoposti a operazione chirurgica e ospitati nella zona più soleggiata dell’ospedale (46% di insolazione in più) hanno manifestato minore stress e utilizzato meno analgesici (22% in meno), riducendo così la spesa dei farmaci del 21% (1).

2. Il sole brucia i grassi: il grasso viscerale, rispetto a quello sottocutaneo, costituisce un fattore di rischio cardiovascolare. E’ noto che la carenza di vitamina D si associa ad un aumento di questo pericoloso grasso. Inoltre, diversi studi hanno mostrato uno stretto legame tra carenza di vitamina D e rischio di vera e propria obesità. Quindi, i raggi UVB, concentrati per lo più nelle ore centrali della giornata e responsabili della produzione di vitamina D, possono essere un ottimo mezzo per perdere peso in modo naturale (2).

3) L’esposizione al sole aumenta l’attenzione crepuscolare: uno studio ha mostrato che esporsi al sole per almeno sei ore durante il giorno aumenta l’attenzione nelle prime ore della sera, mentre alla luce artificiale dà sonnolenza, sempre nelle stesse ore tardo pomeridiane (3).

4) La luce solare si trasforma in energia metabolica: secondo una teoria pubblicata nel 2008 nella rivista Alternative and Complementary Medicine anche gli animali sarebbero in grado di utilizzare l’energia del sole, come fanno le piante. In altre parole, nella nostra pelle si sarebbero una sorta di pannelli solari di melanina che assorbono energia direttamente dal sole. La melanina sarebbe in grado di convertire i raggi gamma e gli UV del sole in energia metabolica. Si è visto che funghi unicellulari che vivono nei pressi del reattore di Chernobyl utilizzano le radiazioni gamma come fonte energetica. Esperimenti con funghi albini, senza melanina, non sono in rado di farlo. Anche i vertebrati potrebbero convertire la luce del sole in energia metabolica grazie alla melanina (4).

5) Il sole combatte l’ipertensione: secondo uno studio condotto all’Università di Edimburgo (UK), quando i raggi UV colpiscono la pelle una sostanza capace di abbassare la pressione arteriosa viene rilasciata nel circolo sanguigno (5).

Francesco Perugini Billi ©copyright – vietata la riproduzione senza esplicito consenso dell’Autore.

 

Bibliografia

1. Jeffrey M Walch et alThe effect of sunlight on postoperative analgesic medication use: a prospective study of patients undergoing spinal surgery. Psychosom Med. 2005 Jan-Feb;67(1):156-63.

2. Eun Ju Kim et al UV Modulation of Subcutaneous Fat Metabolism. J Invest Dermatol. 2011 May 12. Epub 2011 May 12.

3. Mirjam Münch, et al Effects of prior light exposure on early evening performance, subjective sleepiness, and hormonal secretion. Behav Neurosci. 2012 Feb ;126(1):196-203.

4. Geoffrey Goodman, Dani Bercovich. Melanin directly converts light for vertebrate metabolic use: heuristic thoughts on birds, Icarus and dark human skin. J Altern Complement Med. 2008 Jan-Feb;14(1):17-25.

5. Weller RB, et al. UVA lowers blood pressure and vasodilates the systemic arterial vasculature by mobilization of cutaneous nitric oxide stores. Journal of Investigative Dermatology, 2013. Abstract 1247.