Fitoterapia

Issopo (Hyssopus officinalis)

Hyssopus officinalis
Hyssopus officinalis

Famiglia – Lamiacee.

Origine – Pianta erbacea perenne originaria delle regioni del Mediterraneo.

Parti distillate – Fiori e foglie.

Aspetto – L’olio può essere da incolore fino a giallo-chiaro. L’aroma ha una nota di testa  dolce e canforacea e una nota di fondo calda erbaceo-speziata.

Componenti principali – Beta-pinene, fellandrene, limonene, camfene, sabinene, borneolo, geraniolo, acetato di bornile, alfa e beta tujone.

Proprietà – Antibatteriche, anticatarrali, antinfiammatorie, antitussive, astringenti, cicatrizzanti, decongestionanti, diuretiche, emmenagoghe, espettoranti, antipertensive, litolitiche, mucolitiche, sudorifere, vermifughe.

Indicazioni – Bronchiti, tosse, asma, polmonite, enfisema, dispnea, influenza, rinofaringiti, sinusiti, cistiti, affezioni reumatiche, inappetenza, digestione lenta, ipotensione, litiasi renale,  astenia, parassitosi intestinale, sclerosi multipla, leucorrea.

Associazioni – Eucalipto globoso, ravensara.

Avvertenze – A dosaggi eccessivi può essere neurotossico e abortivo. Da non usare nei bambini piccoli, nelle gravide e negli anziani. Valnet segnala la possibilità che l’olio possa provocare attacchi epilettici nelle persone sensibili.

Note – L’olio ha notevoli proprietà antivirali ed è molto utile nel caso di herpes. E’ anche molto indicato nella depressione per il suo effetto tonificante sull’umore.

Francesco Perugini Billi