Fitoterapia

Virtù dell’olio essenziale di origano

Origano 2Diversi studi scientifici hanno mostrato che quest’olio essenziale è piuttosto attivo e potrebbe avere numerose applicazioni in campo medico. Si ricava dall’origano selvatico o selvaggio, Origanum vulgare, particolarmente diffuso nelle regioni del Bacino del Mediterraneo. I principi attivi più importanti contenuti in quest’olio sono il carvacrolo e il timolo, che possiedono una notevole azione antisettica, soprattutto antifungina. Da non confondere con l’Origanum majorana o altre specie di Origanum.

 

Ricerca scientifica

Vediamo alcuni studi significativi, in cui l’olio essenziale di origano ha dimostrato una notevole azione antisettica:

1) Azione antifungina sulle specie Aspergillus flavus e Aspergillus niger, che nell’uomo possono causare infezioni respiratorie e allergiche [Nat Prod Res. 2011 Jun 27].

2) Soppressione della produzione di tossine da parte dello Staphylococcus aureus ed inibizione della crescita di questo batterio [Int J Food Microbiol. 2010 Feb 28;137(2-3):308-11].

3) Azione antibiotica contro Staphylococcus saprophyticus, S. aureus, Micrococcus roseus, M. kristinae, M. nishinomiyaensis, M. lylae, M. luteus, M. sedentarius, M. varians, Bacillus megaterium, B. thuringiensis, B. alvei, B. circulans, B. brevis, B. coagulans, B. pumilus, B. laterosporus, B. polymyxa, B. macerans, B. subtilis, B. firmus, B. cereus e B. lichiniformis [Pak J Pharm Sci. 2009 Oct;22(4):421-4].

4) Azione antimicotica nei confronti di C.albicans, C. dubliniensis e C. non-albicans soprattutto nel caso di ceppi resistenti al flucanazolo, un antimicotico comunemente usato in medicina [Can J Microbiol. 2008 Nov;54(11):950-6].

5) A dosi relativamente basse si è dimostrato efficace contro gli stafilococchi. L’ effetto antibiotico era paragonabile a quello degli antibiotici streptomicina, penicillina e vancomicina [Science Daily 10/11/2001]

6) Rispetto ad altri di altri oli essenziali, mostra una maggiore azione antibiotica contro comuni germi patogeni come stafilococchi, coliformi e listeria [Journal Food Protection, Volume 64, July 2001]

7) Azione antiparassitaria contro il Trypanosoma cruzi, un pericoloso parassita trasmesso all’uomo dalla cimice. L’azione antiprotozoaria è stata attribuita al timolo [Parasitol Res. 2007 Mar;100(4):783-90. Epub 2006 Oct ].

8) Azione antibiotica contro quattro specie di salmonella (Salmonella enteritidis, Salmonella essen B, Salmonella choleraesuis e Salmonella typhimurium). Quest’azione è stata attribuita al carvacrolo e al timolo [ APMIS. 2005 Jan;113(1):1-6].

9) Azione antibiotica contro gli stafilococchi, sia appartenenti a ceppi antibiotico resistenti che non [FEMS Microbiol Lett. 2004 Jan 30;230(2):191-5].

10) Azione batteriostatica e battericida nei confronti del Escherichia coli O157:H7, pericoloso ceppo enteroemorragico trasmesso dagli alimenti contaminati [Lett Appl Microbiol. 2003;36(3):162-7].

11) Azione antiparassitaria nei confronti Antamoeba hartmanni e Blastocystis hominis (studio sull’uomo). Completa scomparsa dei parassiti intestinali nella maggioranza dei casi [Phytotherapy Research. 2000; 14: pp.213-4].

Tuttavia, l’olio essenziale di origano non ha solo un’azione antisettica:

1) Uno studio ha mostrato che il carvacrolo dell’origano è in grado di attivare l’HSP (heat shock proteins), un sistema antinfiammatorio naturale presente nel nostro corpo, attraverso i linfociti T. Il risultato che si ottiene è la soppressione dell’infiammazione articolare. L’olio di origano possiede anche un effetto analgesico che i ricercatori hanno paragonato a quello dell’oppio. Infine, si è visto che l’olio applicato esternamente ha la capacità di penetrare profondamente nel liquido sinoviale. Per potenziarne l’effetto, è possibile abbinare l’assunzione orale a quella esterna [Activity Phytotherapy Research 1998 December Volume 10 Issue 4, Pages 342 – 344; www.disabled-world.com].

Adesso ecco un elenco delle indicazioni terapeutiche di quest’olio essenziale, compilato sulla base della esperienza pratiche e scientifiche:

• allergie
• micosi mucose e cutanee
• cistite
• stress, stanchezza
• artriti, artrosi, reumatismi muscolari
• infezioni batteriche e parassitarie
• punture di insetto
• forfora, dermatite da pannolino, crosta lattea, dermatiti
• diarrea, meteorismo
• disturbi digestivi
• deficit del sistema immunitario
• emicrania
• affezioni respiratorie
• sinusite
• faringite

Avvertenza
Nell’ambito delle medicine cosiddette naturali, l’aromaterapia è decisamente quella meno “dolce” e può addirittura risultare irritante e non adatta a tutti. Per i dosaggi e le applicazioni pratiche è bene non affidarsi a persone impreparate.

Francesco Perugini Billi

Comments

Comments are closed.