Nutrizione

Le virtù del grano saraceno

buckwheatIl grano saraceno (Fagopyrum esculentum) non è un vero cereale, cioè una graminacea, ma è una pianta appartenente alla famiglia delle poligonacee. Fu per la prima volta addomesticata e coltivata nel Sudest Asiatico, probabilmente attorno al 6000 a.C. e da lì si è poi diffusa nell’Asia Centrale e in Tibet e successivamente nel Medio Oriente e in Europa. Il grano saraceno fu il primo “cereale” introdotto nel Nord America dagli europei. Attualmente, i più grandi produttori al mondo sono la Russia e la Cina

Il grano saraceno possiede numerose qualità, sia dal punto di vista alimentare che ambientale. Vediamole.

1. Alimento nutriente e senza glutine – E’ una fonte di proteine di alta qualità. Infatti i semi contengono il 18% di proteine, con valore biologico che supera il 90%, grazie alla presenza di tutti gli amminoacidi essenziali, soprattutto lisina, treonina, triptofano e gli aminoacidi solforati. Sono presenti anche ferro, zinco, selenio e antiossidanti come la rutina e i tannini. Per l’assenza di glutine, è utilizzato al posto del frumento. Gli studi mostrano che con la germogliazione il profilo del grano saraceno cambia in meglio, perché la quantità di antiossidanti aumenta considerevolmente.

2. Previene i tumori – gli studi mostrano che varie parti del seme contengono sostanze che rallentano la crescita delle cellule di diversi tipi di tumore.

3. E’ completamente naturale – è una coltivazione tradizionale in molti Paesi e non è mai stata sottoposta a manipolazioni genetiche di nessun tipo.

4. Riduce la fame – dà un maggiore senso di sazietà rispetto ad altri cereali, come riso e frumento, e può essere utilizzato come coadiuvante nelle diete per il sovrappeso e l’obesità.

5. Aiuta le api…– i fiori del grano saraceno iniziano a sbocciare a partire dalla tarda primavera e continuano fino all’autunno e quindi costituiscono un’ importante e continuativa risorsa nutritiva per le api.

6. …che poi producono un ottimo miele – il miele di grano saraceno è particolarmente ricco di antiossidanti ed è apprezzato soprattutto per le sue notevoli capacità cicatrizzanti e antibiotiche. Queste proprietà derivano in particolare dai costituenti fenolici, presenti in buone quantità, dal pH basso e dal contenuto di acidi liberi.

Attenzione però, anche il grano saraceno può dare reazioni allergiche. Nel nostro Paese questo tipo di allergia è ancora abbastanza rara, sebbene più frequente nelle regioni dove se ne fa uso regolare e storicamente da più tempo, come per esempio la Valtellina e nelle zone di lingua tedesca.


Francesco Perugini Billi©

Bibliografia presso l’Autore